Ci pensi da un po’….

Per strada ne vedi e invidi quelle coppie. Vai a fare una passeggiata nel parco e pensi a quanto sarebbe perfetto che fosse con te nel parco. Verde, uguale parco. Parco, uguale cane.

Improvvisamente ti sembra che in giro ci siano solo cani in attesa di famiglia e quindi perché non puoi essere tu quella famiglia?

Il desiderio è così grande che non trovi il motivo per cui non debba essere così. Ma ti sei fatto le giuste domande?

Quando tempo passi fuori casa?

lo stile di vita che abbiamo è fondamentale per decidere se prendere o meno un cane.

Se la nostra giornata tipo prevede: uscire di casa alle 8 del mattino per andare in ufficio e tornare alle 8 di sera senza interruzioni o la possibilità di passare per casa in pausa pranzo, io non vi consiglio di prendere un cane. Il cane è un non-uomo sociale e come tale ha un’estremo bisogno di vivere la sua socialità.

Da solo semplicemente si annoia! E non sapendo cosa fare deciderà di inventarsi delle attività, seguendo quelli che sono i suoi istinti intrinseci maggiori. Il cane non smettere di essere un cane perché vive in casa…..e se in casa ci sta troppo tempo…il cocktail è esplosivo!

Si ecco, esplosivo è la parola giusta. C’è chi si da all’arte del coriandolo, chi diventa uno srotolatore di carta igienica come il cagnolino della Tenderly (e non finiscono mai veramente), chi fa la caccia al piumaggio con i cuscini o il divano e chi si rifà i denti con un fare metodico sul mobile d’epoca della nonna.

Si ma io ho il giardino…..

Ah ecco, tu hai il giardino….Beh il giardino effettivamente può fare compagnia al tuo cane. C’è per esempio “alla ricerca del sacchetto dell’immondizia scomparso”; Il gatto del vicino che ci piace rincorrere a scapito delle piante e dei vasi; Il cercatore di acqua accanito che non trovando acqua decide di trasformare il giardino in una groviera; e poi il gioco dei giochi….la guardia!

Wow che figo la guardia! si contro tutto e tutti…fino a fare un solco davanti al cancello o lungo la recinzione. Postino, gattino, la signora Maria a passeggio lunga la strada, QUALSIASI COSA….un abbaio per qualsiasi cosa…uff non ce la posso fare.

Sono disposto ad avere qualche peletto di cane in giro per casa?

Io ho sempre avuto la fortuna di non essere un maniaco della casa, ma conosco chi, invece, ama vedere la propria casa pulita e profumata, sempre.

Ecco, il cane non sporca particolarmente, non vi trascina la terra come le scarpe con il cararmatino. Però quei maledetti sono sempre lì, ti sembra di averli estirpati tutti con la super mega ultra wuau aspirapolvere del millennio che ancora deve arrivare, ed invece…..vai a prendere le scarpe nella scarpiera, stai per infilarle ed eccolo li, che si staglia sul tuo calzino nero…il pelo del tuo cane. E poi uno sulla maglietta, attaccato alla tua borsa del computer che avevi lasciato sulla sedia.

E’ inutile impazzire, i peli dei cani sono come i vampiri, una volta che il primo fa ingresso in casa tua, non puoi più liberartene.

Non c’è pelo raso che tenga, toelettatura che faccia il miracolo. I cani perdono sempre e comunque qualche pelo nella nostra casa e l’unico modo per risolvere il problema è farsene una ragione….e farsela andare bene così, se vuoi il cane!

Sei disposto ad uscire in passeggiata 2 o 3 volte al giorno anche con le intemperie?

E’ un dato di fatto: piove, tira vento e fa un freddo porco. In casa si sta troppo bene al calduccio. Però è l’ora X ed il tuo cane ti guarda come se ti stesse facendo il count down…10, 9 ,8…e me la faccio addosso, giuro.

Allora ti devi muovere, non ce ne è, soprattutto se il tuo cane è di media o grande taglia…non immaginate quanto possa essere capiente la vescica di un cane; il tappeto non so se riuscirà a fermare il fiume in piena.

Prendi la giacca impermeabile con il cappuccio, chiudi tutti i pertugi per evitare gli spifferi e ti lanci al freddo…lui, ovviamente, tira perché ai cani della pioggia interessa il giusto, per non dire che non gli importa per niente. Fa la sua bella pipì e poi inizia a snuffiare a terra in modalità “vediamo chi è passato di qui”. Vieni mamma/papà andiamo…lo vedi che si lancia tranquillo in quella che può diventare una passeggiata di almeno 30 minuti (perché voi premete per tornare al calduccio) sennò potrebbe andare avanti per ben di più…

Alla fine ci si fa l’abitudine, diventa una cosa quasi piacevole.

Diventi un esperto delle stagioni; un ammiratore accanito delle condizioni atmosferiche; tu ed il meteo – culo e camicia; un passeggiatore folle degli orari più impensati.

La giornata inizia con una passeggiata e finisce con una passeggiata. Dopo un bel film sul divano: una passeggiata. Dopo ogni serata con gli amici; una passeggiata. Dopo una serata in disco; una passeggiata.

Avere il cane, è come avere un bambino che per tutta la sua vita avrà bisogno di te. Il tempo in cui lui ha bisogno di te sarà sempre lo stesso, o al massimo crescente, per tutto il tempo che vi frequenterete. Lui dipende da te per i suoi bisogni primari; dipende da te per imparare, sei tu la sua famiglia; dipende da te per socializzare.

La sua presenza detta alcune regole non scritte a cui devi decidere di stare sin da subito.

La tua giornata, i tuoi spostamenti ed i tuoi programmi devono tenere conto anche del tuo amico che ti aspetta a casa.

DI contro lui è disposto a dimostrarti tutto il suo amore. La felicità è sconcertante quando ti vede rientrare. La gioia è incontenibile appena lo saluti (anche se non ti vede da 4 secondi). Lui vota tutta la sua vita a te; in te ripone la massima fiducia; tu sei la sua guida, il suo maestro più bravo, l’ispirazione e la persona per la quale si sacrificherebbe. Per lui sei un guru. Chi è che nella vita ti ha mai considerato così prima di lui?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *