Le prime parole del mio cucciolo.

Sono pochi giorni che abbiamo in casa il nostro amico e già non possiamo fare a meno di guardarlo mentre dorme e fa la pappa. Non resistiamo dal mettergli le mani addosso perché è proprio troppo morbido.

I primi giorni sono veramente una favola. Vi sembra che sia la cosa più semplice del mondo. SI vabbè qualche bisogno qui è li…ma è cucciolo, che fa!

Passa una settimana, lui si abitua a questa nuova casa e famiglia. I giochi che faceva con i fratelli sono nel cassetto dei ricordi che compongono le sue prime esperienze di vita, nel tempo ne farà delle altre, sarà tutto un crescere.

Si ma io come posso fare per far si che questo accada? non parliamo la stessa lingua. Ora come si gioca?….Nessun problema, ma orecchie ed occhi aperti perché da un momento all’altro può partire la caccia e noi dobbiamo capire quali sono le regole del gioco molto rapidamente.

Lui è li tutto coccoloso che se la sonnecchia nella sua cuccetta, poi si sveglia, sbadiglia, si stiracchia ed improvviso….bomm scatta come una faina goffa (“ehi giochiamo?”)…fa gli agguati (“vediamo se mi prendi”), prende il bordino dei pantaloni che indossiamo e tira (il tira e molla quanto ci piace eee..attrae la tua attenzione) e se questo non funziona (non riesce a coinvolgerti), va a prendere la prima cosa che gli capita a tiro (magari è anche il tuo peluche preferito) e scappa via con quel peluche in bocca. Lo sbatacchia di qua e di là.

Ora ha fatto breccia…tu ti distrai dal solo guardarlo, quasi in adorazione, e fai un sonoro “NO”…ed è li che ha capito di aver fatto BINGO.

Tu a quella cosa ci tieni, beh ora ci tiene anche lui, e più tu ci tieni e più lui si accanisce su quella…e sbabam e statabam….il peluche rischia parecchio, e tu continui a dire “NO”, oppure vai e provi a tirarglielo via dalla bocca….BINGO di nuovo…ancora meglio, ora sa che con quello tu giochi e fai anche il suo gioco preferito, tiri come lui… e che figata..

Ora sei ufficialmente nei guai, cosa si fa ora?:

Ahimè le cose sono solo 2

O continui con la tecnica del “NO”, che fino a quel momento non ha dato grandi risultati, e quindi ti rassegni a vedere il tuo peluche che progressivamente perde occhi, naso ed imbottitura….ehi fu un bellissimo peluche

o ti acquatti come una faina…il preludio dell’inizio del gioco…rallenti il tuo movimento, PIANO, PIANO, come un militare in trincea….prendi fiato, ti senti quasi un maratoneta che aspetta lo scoppio della pistola della partenza…ma un pò più stupido…e poi SCAPPI come un missile nella direzione opposta al tuo cucciolo.

Lui probabilmente avrà la faccia di chi dice: “ma questo è fuori di testa!” …. “Ora cosa fa?”

Improvvisamente qui sei diventato interessante, ora comandi il gioco.

Si perché è di questo che si tratta; qui stiamo solo giocando, solo che voi non lo avevate ancora capito, ed il vostro cane ha tentato in tutti i modi, al momento conosciuti, per attirarvi nel gioco.

Allora continuate a scappare ed a farvi rincorrere, ogni tanto anche qualche balzo inaspettato, un premietto se lo avete a portata di mano…un nascondino improvvisato dietro una porta…e bam il peluche verrà lasciato a terra. Ormai non è più interessante.

Voi siete la cosa più interessante del mondo!

Voi vi muovete (ed il peluche non lo fa), voi cambiate direzione di continuo, voi date i premietti, e voi gli dite “BRAVO”…e non c’è peluche che tenga il confronto.

Fatelo 5, 10, 20 volte, prima sempre con un “BRAVO” o un Premietto goloso e poi piano piano solo con il semplice movimento del vostro corpo, anticipandolo quando inizia a stiracchiarsi dopo il sonno, quando meno se lo aspetta.

Ora ha capito che quando ti vede simulare una fuga, SI GIOCA…..e potrete lasciare per casa tutti i peluche che volete, non saranno più di suo interesse.

Poi fammi sapere come va…ci tengo

Un abbraccio, e goditi il tuo cucciolo!

Lalla
CuccioliZeroDodici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *